‘Il cuore di un palestinese’ – Il racconto di Stefano Massini

Piazzapulita

19-10-2023 • 3 mins

Questa settimana vi proponiamo l'ascolto del monologo di Stefano Massini: "Allora. Corrado tutto vero, tutto indiscutibile. Le posizioni, le responsabilità, le colpe, le culture, religioni. Tutto vero. Poi però, per fortuna c'è anche quello che ti racconto io che qualcosa dovrà pur valere, no? Allora 2018 quanti ospedali ci sono al mondo? Migliaia. Quanti bambini nascono ogni anno al mondo? Milioni fra questi milioni di bambini che nascono al mondo, rra tutti questi ospedali che ci sono nel mondo, nel 2018 nasce un bambino. Questo bambino ha delle profonde complicazioni al cuore. I medici dicono probabilmente non sopravvive e invece sopravvive. Le settimane diventano mesi, è quasi attaccato a un respiratore, riesce ad arrivare al traguardo del primo anno, poi del primo anno e mezzo di età. All'età di 18 mesi i medici dicono o gli viene fatto un trapianto oppure muore. A quel punto accade qualcosa. Accade che dentro un altro ospedale c'è un altro bambino che ha 18 mesi pure lui e che per ragioni indipendenti muore. Gli organi sono espinatabili, i genitori vengono chiamati e gli viene detto "Siete interessati? Siete disposti a dare il corpo di vostro figlio a un altro bambino che sta morendo? I genitori rispondono Sì. Passano 24 ore. I genitori vengono richiamati di nuovo dall'ospedale che gli dice: "Scusate, come Niente, dobbiamo fare, come non vi avessimo detto niente. C'è una complicazione, c'è una differenza fondamentale. La differenza sta nel fatto che vostro figlio è israeliano e quel bambino che avrebbe bisogno del suo cuore è nato a Ramallah, in Cisgiordania. È un palestinese." I genitori dicono e "quindi il problema dove sarebbe?" E l'ospedale chiaramente risponde dicendo "il problema è che voi siete israeliani, non darete mai il cuore di vostro figlio perché batta dentro il petto di un palestinese." E a questo punto i genitori di questo bambino danno una risposta una risposta che secondo me vale la pena stasera di essere ascoltata perché serve soprattutto a parlare di una cosa di cui non si parla che è la pace la pace che è qualcosa che, Corrado, in una serata come questa sembra sempre di venire qua e fare la parte del cretino. Appena vieni qua e parli di pace sembra di fare la parte di quello che è buonista e retorico, che appende le bandierine fuori dalle scuole elementari, che fa i disegni dei bambini. Ci prendiamo tutti in giro. La pace, invece la pace è una cosa molto concreta. Quei genitori dicono ai medici dell'ospedale: "Scusate, spiegateci il cuore di nostro figlio ha gli atri, ha i ventricoli, ed è un muscolo che pulsa sangue. Il cuore che batte dentro un  bambino palestinese non ha gli atri, non ha i ventricoli, non è un muscolo che pulsa sangue?  Fisiologicamente sono due cuori esatti, uguali, Identici", appunto, rispondono i genitori. Vorrà dire che il cuore di nostro figlio batterà dentro il petto, in un palestinese. E così è successo oggi Mussa Assaqra ha cinque anni di età e vive grazie al cuore di un israeliano. Diceva Victor Hugo la pace e l'eguaglianza fra esseri umani, prima ancora di essere materia per chiacchiere, per parole e per retorica, è un'evidenza scientifica.   E con questo, buonasera. Learn more about your ad choices. Visit megaphone.fm/adchoices

You Might Like

The Rest Is Politics
The Rest Is Politics
Goalhanger Podcasts
Leading
Leading
Goalhanger Podcasts
Newscast
Newscast
BBC News
The Rest Is Money
The Rest Is Money
Goalhanger Podcasts
Political Currency
Political Currency
Persephonica
Ukraine: The Latest
Ukraine: The Latest
The Telegraph
Today in Focus
Today in Focus
The Guardian
Pod Save the UK
Pod Save the UK
Crooked Media
Page 94: The Private Eye Podcast
Page 94: The Private Eye Podcast
Page 94: The Private Eye Podcast
The Story
The Story
The Times
FT News Briefing
FT News Briefing
Financial Times
The Daily T
The Daily T
The Telegraph
Serial
Serial
Serial Productions & The New York Times