Ops! racconti e fatti

Filippo Rizzo

Racconti di errori, imperfezioni e speranze. Ovvero racconti che cercano speranze dopo aver inciampato perché avevamo le scarpe slacciate.

Quindi storie ordinate di fatti, tra attualità e metafore che ci aiutano a vivere, per leggere i sentimenti del tempo, con un focus particolare sulla sociologia, sulla tecnologia e sulla filosofia, senza mai rinunciare a qualche sorriso. read less
FictionFiction

Episodes

Lo spettacolo dal vivo: cosa ne è rimasto
11-03-2021
Lo spettacolo dal vivo: cosa ne è rimasto
Prima del covid c’era un mondo. C’erano gli spettacoli dal vivo e vere possibilità di incontro. Perché si facevano gli spettacoli dal vivo? Non poteva esserci niente capace abbastanza da privarci di quel mondo, giusto? Una comunità ha sempre bisogno di una forma, uno spazio e un tempo, per non intristirsi al punto da non immaginare un futuro. Le misure anticovid chiudono i teatri. L’intero mondo dell’arte viene messo a dura prova sia a livello economico sia a livello espressivo. Dalle avanguardie ai rapper, tanti cercano di cogliere le possibilità dell’arte digitale. Nascono alcuni spettacoli con tratti innovativi, si fissano limiti espressivi e interrogativi sull’aiuto che l’arte può fornire all’elaborazione del trauma collettivo dato dalla pandemia. La voglia di partecipare del pubblico è aiutata dall’arte digitale e l’espressione di questo desiderio potrebbe rimanere. Più di un anno di Zoom, ha rotto le scatole a tutti. Ma gli artisti sono pronti a tornare sui palchi. La creatività e il ruolo sociale del pubblico spettacolo sono destinati a restare come parte della nostra umanità che ha bisogno sistematicamente di ritrovarne la forma, lo spazio e il tempo. Tra grida di gioia, la fragile normalità ritornerà.Fonti/Spunti“Scene del futuro”, di Sarah Hemming, Financial Times, Regno Unito (Internazionale n. 1394 29 gen/4 feb 2021)“Facciamo luce sul teatro!” di Redazione dell'Associazione Critici di Teatro, Italia (https://www.criticiditeatro.it/2021/02/18/facciamo-luce-sul-teatro/ 18 febbraio 2021)“Epidemia: la peste di Sofocle nella tragedia ”Edipo re”” di Stella Grillo, Italia (https://metropolitanmagazine.it/epidemia/ 26 Marzo 2020)La peste, Albert Camus, 1947“Le conseguenze del coronavirus sul mondo della musica in Italia” di Giovanni Ansaldo, Italia (https://www.internazionale.it/notizie/giovanni-ansaldo/2020/02/27/coronavirus-concerti-cancellati 27 febbraio 2020)“La musica dal vivo è intrappolata in un limbo” di Giovanni Ansaldo, Italia (https://www.internazionale.it/notizie/giovanni-ansaldo/2020/04/29/concerti-coronavirus-cancellati-rimborsi 29 aprile 2020)Da Internazionale di Annalisa Camilli 22 Lug 2020https://www.internazionale.it/reportage/annalisa-camilli/2020/07/22/teatro-festival-pandemia-coronavirus Dalla pagina Facebook di Giuliana Musso, post del 13/02/2021Da Jacobin, Andrea Turco, il 4 Dic 2020https://jacobinitalia.it/gli-spettacoli-dal-vivo-tra-sogni-e-bisogni/
Trump o Come siamo arrivati a Joe Biden
19-02-2021
Trump o Come siamo arrivati a Joe Biden
Il primo presidente nero ha lasciato il segno nel bene e nel male. Il bianco Tom Hard ne prende atto. Le primarie offrono la possibilità di una svolta o di una continuità. Per quanto Tom li trovi appassionanti, i candidati degli opposti estremismi sono dati per perdenti. Tom vicino a suo padre dopo che questi ha avuto un malore e insieme a lui segue la campagna elettorale. Si identifica sempre di più nel candidato D.J.T.. D.J.T. vince le elezioni e poco dopo il padre di Tom muore. D.J.T. costruisce un governo di miliardari. Tom Hard è in lutto per la morte di suo padre Ronald. Le prime azioni della Presidenza Trump contraddicono alcune sue promesse. Ma le contraddizioni sono censurate dalla sua comunicazione. Altre azioni, in materia ambientale e di immigrazione sono così estreme da essere perfettamente coerenti. Tom Hard, mentre stenta ad accettare la morte di suo padre, si radicalizza su internet, perché la verità non può affermarsi quando in giro ce n’è così poca, per non parlare di quella che è presente in noi stessi. La radicalizzazione di Tom Hard lo rende scontroso e violento con sua moglie, la quale, essendo ideologicamente simile a suo marito, gli resta accanto. Secondo Hannah Arendt, sono le grandi bugie quelle che lacerano “il tessuto della fattualità”. D.J.T. continua il suo programma di governo acuendo le sue politiche economiche contro l’ambiente. Poi affronta la procedura di “impeachment”, ma viene salvato dal Senato. Tom Hard non è più in grado di mettere in discussione le sue opinioni. D.J.T. può completare il suo mandato dando il meglio di sé minimizzando il covid e poi prendendoselo. Trump non viene rieletto. E non accetta l’esito del voto. Poco prima del passaggio di consegne al nuovo Presidente, D.J.T. aizza i suoi sostenitori alla protesta e questi assaltano Capitol Hill.Fonti/Spunti:Serie TV:“Trump: un sogno americano”, Serie TV Netflix, 10/04/2018Libri:“America First” di Giuseppe Mammarella, 04/10/2018"Gli Stati Uniti di Donald Trump" di Vittorio Serge, 05/07/2017“Fuoco e furia: dentro la casa bianca di Trump” di Michael Wolff, 2018Articoli:Bilancio della presidenza Trump:https://www.lifegate.it/longform/donald-trump-presidente-bilancio#cap-4Frasi Trump:https://espresso.repubblica.it/internazionale/2016/10/20/news/le-100-dichiarazioni-peggiori-di-donald-trump-1.286277Il più grande tradimento di Donald Trump:https://www.internazionale.it/opinione/slavoj-zizek/2021/01/09/grande-tradimento-donald-trump